Descrizione:

Il tranciato di Olmo si ricava dalla lavorazione primarie del fusto dello stesso albero che, una volta tagliato, viene trasformato in sottilissimi fogli di legno.

Il legno dell’Olmo è uno dei materiali prediletti nella costruzione di mobili rustici. Il colore originale tende a scurire col tempo, rendendo l’ambiente accogliente e conferendo un senso di calore tipicamente casalingo. Inoltre, per via della sua vena fibrosa e concatenata, ha una straordinaria resistenza. E’ perfetto, quindi, per realizzare sedie robuste e sedili, ma anche piani di supporto e di lavoro, poiché ammortizza bene gli urti e le sollecitazioni. La superficie del legno presenta, in primavera, numerose fiammature naturali che ne accentuano il pregio, creando un bellissimo disegno. Abbastanza facile da lavorare viene spesso impiegato per creare oggetti ornamentali e strumenti musicali.

Il legno dell’albero di Olmo, nonostante la straordinaria resistenza, presenta alcuni punti deboli, come la tendenza a deformarsi, che viene contrastata eseguendo un’accurata essicazione. Inoltre è particolarmente vulnerabile agli attacchi degli agenti patogeni esterni e dai tarli. Ciò comporta di dover eseguire, periodicamente, un trattamento con la gommalacca o con la cera. Pur appartenendo alla categoria dei legni più duri e pesanti, la sua durata, negli anni, non è particolarmente lunga.

Le diverse specie di Olmo sono distinguibili dal colore. L’Olmo campestre è caratterizzato da tonalità molto calde, che variano dal bruno cioccolato al rossastro. L’Olmo montano, invece, spazia dal bruno chiaro al rosso scuro. L’Olmo ciliato è la specie più rara, si riconosce per i toni bruni delicati e quelli grigio chiaro, con qualche striatura colorata.

Il tranciato di Olmo si trova in commercio sia in formato grezzo che lavorato. Misurabile in metri quadri è disponibile in pacchi da 32 fogli. Per ottenere prodotti di dimensione più ampia i singoli fogli devono essere giuntati tra loro. Successivamente vengono pressati su pannelli di multistrato, truciolato o, comunque, su supporti di materiale di qualità inferiore. In risultato finale è un prodotto semilavorato, ottimo per la produzione di mobili, rivestimenti e parquet.